Associazione Sportiva Dilettantistica
ESERCITO CALCIO e ATLETICA
HomePage
Autorizzazione alla Costituzione
Regolamento di funzionamento
Modulo per L'iscrizione
Apri/scarica file word
 

 

GRUPPO SPORTIVO ESERCITO AMATORI

CALCIO E ATLETICA

 

STATUTO

 

TITOLO  I

 

COSTITUZIONE, SCOPI, COLORI SOCIALI, ESERCIZIO SOCIALE.

 

ART. 1

Il Gruppo Sportivo Esercito Amatori Calcio e Atletica (di seguito EACA), con sede legale in Roma, via Napoli 42, presso l’Ufficio Programmazione Finanziaria Bilancio e Statistica e sede operativa presso il Centro Addestramento Ginnico Sportivo dell’Esercito, è sorta ereditando la struttura della Rappresentativa “Esercito Amatori Calcio” (elenco in Allegato 1 delle attività a cui ha partecipato sino dalla sua costituzione) già autorizzata dalle S.A. a partecipare ad eventi sportivi quali tornei amatoriali di calcio e manifestazioni di beneficenza.

ART. 2

L’EACA è apolitico e non ha scopo di lucro. Esso ha per finalità:

1)   lo sviluppo e la diffusione dell'attività calcistica, intesa come momento comune di aggregazione e attività fisica, sportiva e morale del personale in genere (Ufficiali, Sottufficiali, Volontari, Dipendenti Civili e parenti diretti), con la possibilità di tenere stretti rapporti anche con paritetiche strutture, soprattutto per attività a scopo benefico;

2)   lo sviluppo e la diffusione dell'atletica leggera, intesa come mezzo di formazione psicofisica e morale dei soci, mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica, ricreativa e ogni altro tipo di attività, motoria e non, per promuoverne la conoscenza e la pratica.

A tali scopi, il Gruppo Sportivo potrà anche organizzare gare, campionati, manifestazioni sportive e ogni altra iniziativa utile per la propaganda e la diffusione delle discipline suddette.

Per le finalità di cui sopra, L’EACA accetta incondizionatamente tutte le disposizioni statutarie e regolamentari della FIGC e della FIDAL e si impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti dovessero adottare a carico dei componenti il Gruppo Sportivo, nonché le decisioni che le autorità federali dovessero prendere in tutte le vertenze di carattere tecnico e disciplinare attenenti alle attività sportive.

Costituiscono quindi parte integrante del presente Statuto le norme degli statuti e dei regolamenti federali nella parte relativa all’organizzazione e alla gestione delle società affiliate.

Per quanto sopra, nessuna quota è dovuta dagli iscritti per l’iscrizione e lo svolgimento delle attività suddette.

ART. 3

Per il conseguimento dei suoi fini, l’EACA può partecipare a tornei organizzati da organismi della F.I.G.C. o comunque collegati alla Federazione e a manifestazioni di beneficenza patrocinati da Associazioni varie.

ART. 4

L’anno sociale ha inizio il 1° gennaio di ogni anno e termina il 31 dicembre dello stesso anno.

 

TITOLO  II

SOCI

ART. 5

Compongono Il Gruppo Sportivo le seguenti categorie di soci:

  1. SOCI ORDINARI;
  2. SOCI ONORARI.

Sono SOCI ORDINARI tutti i dipendenti della A.D. che chiedano di fare parte del Gruppo Sportivo.
Sono SOCI ONORARI eventuali atleti che per prestigiosi risultati sportivi possano contribuire ad elevare il livello del Gruppo Sportivo; essi vengono proposti dal Presidente e quindi riconosciuti ed accettati con delibera del Consiglio (elenco dei Soci in Allegato 2)

ART. 6

La qualifica di SOCIO viene cancellata per:

  1. dimissioni;
  2. motivi disciplinari;
  3. squalifiche sportive.

TITOLO  III

ORGANI SOCIALI STATUARI

ART. 7

Sono organi sociali:

  1. L’ASSEMBLEA GENERALE DEI SOCI;
  2. IL CONSIGLIO DIRETTIVO;
  3. IL PRESIDENTE.

TITOLO GENERALE

LE ASSEMBLEE DEI SOCI

ART. 8

Hanno diritto di partecipare al voto unicamente i SOCI ORDINARI.

ART. 9

L’Assemblea Generale dei Soci è convocata in seduta ordinaria o straordinaria mediante invito da diramarsi almeno una settimana prima della data fissata per la riunione e/o con avviso affisso periodicamente nella bacheca della SEDE SOCIALE.
E’ obbligatorio indicare gli argomenti posti all’Ordine del Giorno.
Tra la prima e la seconda convocazione dovrà intercorrere almeno un giorno.
L’Assemblea Generale Straordinaria può essere convocata con preavviso di tre giorni in qualsiasi momento su iniziativa del Consiglio Direttivo (di seguito C.D.) ovvero a formale richiesta scritta fatta dalla metà dei soci aventi diritto al voto.
Il C.D. deve indire l’Assemblea Straordinaria entro 30 giorni dalla richiesta (2 sedute ordinarie obbligatorie durante l’anno per programmare l’attività sportiva).

ART. 10

L’Assemblea Ordinaria ha i seguenti compiti:

  1. discutere la relazione sull’attività dell’ultimo anno sociale presentata dal C.D. ed assumere relative deliberazioni;
  2. nominare i componenti la commissione elettorale;
  3. eleggere il C.D..
    ART. 11

L’Assemblea Ordinaria delibera a maggioranza semplice e decide;

  1. in 1^ convocazione quando siano presenti almeno la metà più uno degli aventi diritto;
  2. in 2^ convocazione con la presenza di almeno un quarto dei Soci aventi diritto al voto.
    ART. 12

L’Assemblea Generale Straordinaria, convocata eccezionalmente per gli argomenti di cui all’art. 10 , decide con le stesse modalità di maggioranza previste per l’Assemblea Ordinaria, mentre quando è convocata per trattare gli argomenti di cui all’art. 23 (modifiche allo statuto) delibera in 1^ convocazione a maggioranza assoluta degli aventi diritto ed in 2^ convocazione con la maggioranza semplice.
L’Assemblea convocata per deliberare sulla proposta di scioglimento del Gruppo Sportivo, delibera a maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto sia in 1^ convocazione sia in 2^.

ART. 13

Ogni socio è tenuto a partecipare personalmente alle ASSEMBLEE GENERALI.

 

TITOLO  V

ELEZIONI ALLE CARICHE SOCIALI

ART. 14

Il Presidente, sentito il Consiglio Direttivo e l’Assemblea dei Soci, decide l’opportunità del rinnovo delle cariche sociali.

 

ART. 15

L’elezione degli organi sociali avviene in forma scritta e segreta.

ART. 16

Sono eletti i Soci che riportano il maggior numero dei voti. In caso di parità, sono eletti i Soci più anziani come appartenenza al Gruppo Sportivo. In caso di ulteriore parità il Socio più anziano di età.

 

TITOLO  VI

IL CONSIGLIO DIRETTIVO

ART. 17

IL C.D. designa nel proprio ambito:

  1. un Presidente Onorario;
  2. un Presidente;
  3. un Vice Presidente;
  4. un Segretario;
  5. un Direttore Sportivo;
  6. un Consigliere per ogni settore.
    ART. 18
  1. si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga opportuno e, comunque, quadrimestralmente;
  2. esamina le domande di ammissione al Gruppo Sportivo in qualità di Socio;
  3. valuta la partecipazione a gare amatoriali e raduni;
  4. compila il calendario dei raduni/gare da disputare;
  5. valuta la possibilità di organizzare raduni e gare amatoriali;
  6. esamina e decide su eventuali “casi disciplinari”;
  7. formula le richieste di materiale sportivo necessario per lo svolgimento delle attività, previa valutazione del Presidente e della disponibilità finanziaria;
  8. nomina il Direttore Sportivo delle rappresentative sportive che vengono incaricati di selezionare gli atleti dai Soci, in relazione agli impegni della rappresentativa e di diramare le convocazioni.

Nel caso di partecipazione a Gare e Raduni nelle quali sia necessario impiegare atleti non iscritti al Gruppo Sportivo, il Direttore Sportivo valuta l’opportunità ed opera la scelta nell’ambito del personale militare e civile della Difesa o atleti esterni all’A.D. di particolare livello tecnico. L’atleta selezionato viene classificato in una delle categorie dei Soci previste dall’art. 5.

ART. 19

Il C.D. decade quando, per contemporanee dimissioni o per altro motivo, viene meno la maggioranza dei componenti. In tale circostanza, il Presidente uscente nomina un Commissario per la gestione del Gruppo Sportivo, fino a nuova elezione.

 

TITOLO  VII

IL PRESIDENTE

ART. 20

Il Presidente rappresenta il Gruppo Sportivo, presiede il C.D. ed assume impegni nei limiti delle decisioni adottate dal C.D..
Qualora impossibilitato per causa di forza maggiore, viene sostituito dal Vice Presidente.
Il Presidente, qualora lo ritenga opportuno, può delegare parte delle sue funzioni al Vice Presidente, secondo la durata di tempo che ritiene necessaria.

 

TITOLO  VIII

MODIFICHE ALLO STATUTO

ART. 21

 

Il presente statuto può essere modificato con deliberazione di una Assemblea Generale dei Soci appositamente convocata.

 

 



HomePage